Con la preghiera e col digiuno…

Mi ha colpito la posizione di una che era presente durante gli ultimi fatti di Parigi. Riporto la lettera pubblicata dal sito Tracce.it perché per una persona normale, ma anche per una che ha responsabilità politiche importanti, il primo gesto, il più ragionevole è quello vissuto dalla protagonista:

“Che io Gli appartenga ogni giorno di più”

14/01/2015 – Di fronte all’orrore provocato dagli avvenimenti di questi giorni, l’esperienza di Sophie. Dal catechismo con i bambini alla preghiera e al digiuno, per non scadere nella reattività, ma affermare la vita e il suo valore
La manifestazione di domenica a Parigi.

La manifestazione di domenica a Parigi.

All’inizio, è stato il sentimento di orrore che mi ha invaso nel rendermi conto di quanto questo massacro è stato odioso e va all’incontro alla nostra libertà di pensare e di esprimersi.
In seguito, ho pensato che la mia esperienza di fede era innanzitutto un’esperienza di pace e di amore del prossimo e subito dopo ho pregato per le vittime e anche per i carnefici. È impressionante, d’altra parte, che la parola della messa di quel giorno sia stata : «Colui che ha dell’odio contro suo fratello e dice di amare Dio è menzognero poiché Dio è amore».

Giovedì mattina, facevo il catechismo ai bambini di terza elementare e, naturalmente, abbiamo evocato l’avvenimento, soprattutto per mostrare che la nostra responsabilità era di chiedere al Padre di essere degli artigiani di pace nelle nostre relazioni di tutti i giorni.

Ammetto anche che sento timore di fronte a una tale violenza. Nonostante ciò la mia ragione mi esorta a pensare che la vita è più forte e che il modo più giusto di continuare la mia giornata è di affermare la vita e il valore prezioso che ha.

Concretamente, oggi ho deciso di vivere una giornata di digiuno, anche perché Maria ci dice che con la preghiera e il digiuno possiamo fermare le guerre. E questa aggressione ci mette in un clima di guerra. Desidero che il nostro paese possa vivere nell’unità e nella pace.

In effetti, ad ogni persona che ho incontrato oggi e che condivideva con me la sua opinione, ho riaffermato che sono innanzitutto il mio sguardo ed il mio cuore che devono cambiare. Che io appartenga ogni giorno di più a questo Dio che mi ama e ha dato la sua vita per me.

Sophie, Viroflay

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: