Confusione e libertà

C’è tanta confusione dopo i fatti drammatici di Parigi. Ma a me torna in mente il modo con cui don Giussani rappresentava l’uomo: un puntino dentro un cerchio. Il puntino dentro il cerchio è ciascuno di noi, sono io che vengo sballottato avanti e indietro senza potermi opporre. Il cerchio è la società ondeggiante in balia dei diversi poteri in contrasto tra di loro.

Ma se quel puntino è legato con un filo d’acciaio a una misteriosa X esterna al cerchio, per quanto la sfera si muova o giri, il puntino, cioè tu, io, siamo liberi dai condizionamenti della sfera impazzita.

Ebbene per essere e sentirsi liberi dai vari venti ideologici che agitano le folle impaurite e smarrite davanti all’incubo del terrorismo, una sola cosa può permettere la saldezza e l’equilibrio: l’essere saldamente legati a quell’X che, nell’esempio di don Giussani, rappresentava il mistero di Dio.

Ma questo Dio non può essere frutto della nostra immaginazione, dal momento che si è rivelato, si è fatto uomo e ha deciso di stare sempre con noi.

Se non rifiutiamo la Sua amicizia.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: