Quando saremo veramente liberi?

Da “Il mio cuore è lieto perché Tu, Cristo, vivi” pag14 ss.:

  1. ”Il nostro primo pericolo è il formalismo”, pag. 14

Qual è la conseguenza di questo isolamento dal cuore di Cristo, di questa chiusa estraneità che a volte sentiamo anche dopo tanto tempo?Il formalismo.

“Il nostro primo pericolo… è il formalismo, il ripetere delle parole e il ripetere dei gesti, senza che gesti e parole scuotano o, comunque, mettano in cisi, cioè smuovano qualcosa in te, illuminino di iù lo suardo che potti a te stesso, alimentino una convinzione circa un valore(perché er esempio, che debba impegnartiper le elezioni, è una necessità della tua umanità) (L:Giussani)

(…)

Il formalismo è una fede che corre paralela alla vita, che si appaga di ripetizione di oarole e di gesti. E lo descriveva così: “Non si è a posto perchè si fs scuola di comunità, non si è a osto perchè si partecpa alla Santa Nmessa con il proprio prete, non si è a posto  perchè si fa il volantinaggio (…)

Questa può essere formalità con cui uno paga il pedaggio alla realtà sociale cui aderisce.

Ma quando diventa esperienza tutto questo?

Quando dice qualche cosa [innanzitutto ndr] a te e muove (…) qualcosa in te [ti coinvolge in ogni fibra del tuo essere]

 

Questa riflessione non vale solo per i cristiani, ma per ogni realtà umana.

Sarebbe più efficace in tal caso la parola farisaismo, perchè la finzione è la base di molto nostro agire. Quasi nessuno più riesce a essere pienamente se stesso ed allora le nostre parole e azioni spesso contraddicono il nostro io più vero.

Vien da chiederso: come liberarsi da questa ipocrisia? Chi ci libererà da questa ipocrisia? Quando saremo veramente liberi?

 

Annunci