Dopo il F.Day: e ora?

Ed ora?

È stata una giornata esaltante. L’ho seguita nella diretta alla tv ed era una folla variopinta e vivace con famiglie più o meno numerose accompagnate da nonni e nonne. Un mare di teste, di colori e di bandiere le più disparate di cui non riuscivo a vedere la fine.

E poi gli interventi dei vari oratori brevi e essenziali senza troppi fronzoli e parole in politichese a cui non crede più nessuno.

Insomma una bella giornata, piena di vita e della gioia che solo i bambini sanno creare intorno a loro.

Oggi tutto è finito.

Non perché non si possa ripetere, se l’Italia si conserva democratica; ma per il fatto che la vita riprende con la stessa drammaticità di ogni giorno , con nuove difficoltà da affrontare, con i sempre nuovi e inattesi rapporti e circostanze.

E mi chiedo: come si fa a vivere? E basta la gioia e la gratitudine di una giornata eccezionale come quella di ieri, 30 gennaio 2016, per continuare o cominciare a vivere all’altezza sei nostri desideri?

Mi viene in mente il giorno stesso della mia Laurea per la quale tanto avevo lavorato. Ricordo che il giorno stesso mi dissi: e adesso?

È in situazioni simili, quando uno ottiene qualcosa di desiderato o semplicemente bello, che arriva il momento in cui tutti ci si chiede: e adesso?

Non tutti i giorni ci si ritrova in mezzo a uno, due milioni di persone festose; e non basta nemmeno per compiere il nostro desiderio di felicità.

Noi vogliamo di più, sempre di più.

Certo è doveroso contribuire a costruire un mondo più giusto.

Ma io sono destinata a vivere eternamente in questa vita spesso difficile e piena di dolore che nemmeno un Family day può alleviare?

In questo momento sento alla tv che si parla delle vittime di vari attentati e tante altre notizie simili… basta un evento grandioso come quello di ieri ad reggere avanti a tutte queste altre tragedie?

Esiste una salvezza. Esiste.

Solo che questo mondo postcristiano non riconosce più Colui che gli ha donato la vita e la libertà e da soli riusciamo a creare soltanto questo disastro mondiale.

Occorre ritrovare la cultura che ha costruito l’Europa a partire dalla diffusione del Cristianesimo fin dal primo secolo. Ma di quel Cristianesimo in gran parte si sono dimenticati anche molti battezzati.

http://www.ilsussidiario.net/News/Cultura/2016/1/31/CARRON-La-sfida-di-oggi-e-i-nostalgici-del-mondo-che-non-c-e/675066/

Family day al Circo Massimo:  manifesti, striscioni e politici(http://www.repubblica.it/politica/2016/01/30/foto/family_day_il_circo_massimo_tra_manifesti_e_striscioni)Family day al Circo Massimo:  manifesti, striscioni e politici

Articolo precedente
Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: