Tra sorriso e commozione ho conosciuto Pietro

Una testimonianza. Era una testimonianza che tra il riso e il pianto ci ha reso familiare e simpatica la figura di San Pietro Apostolo, patrono del nostro paese. Chi avrebbe immaginato una figura così umana e vicina a noi!

Ma procediamo con ordine.

Dopo due anni è tornato in paese Pietro Sarubbi, l’attore che ha impersonato Barabba nel film The Passion di Mel Gibson.  Stavolta poteva presentarsi con il suo vero nome, Pietro, che come un presagio, per tutta la vita l’ha seguito, come racconta nel suo romanzo “Da Barabba a Gesù – Convertito da uno sguardo” e identificarsi finalmente con quel generoso e irruento pescatore di Galilea cui Gesù aveva cambiato il nome. Certo chiamarsi Pietro, Cefa…pietra insomma, per un pescatore non era il massimo, visto che le pietre in acqua servono solo ad affondare… però quel nome glielo aveva dato Gesù, il Messia… Il Messia… ma poi cosa significava veramente quel nome? Pietro stesso non l’aveva capito, ma era stato conquistato da quello sguardo, quella tenerezza che…ti scioglie, che ti costringe ad arrenderti, come la neve che è costretta ad arrendersi al sole.

La testimonianza che si è svolta in una chiesa gremita e attentissima ogni tanto suscitava il sorriso per la semplicità di Pietro che raccontava, senza capire bene i fatti di cui era stato testimone, alcune delle vicende della sua vita con Gesù. Gustosissima era la scena in cui Gesù, indignato per la confusione del Tempio, rovescia il tavolo dove si svolgevano i commerci vari e Pietro racconta con simpatica semplicità la gioia di tutti gli apostoli, lui compreso, nel prendere pecore capre e tutto e scaraventarle magari addosso a un sacerdote del tempio (che soddisfazione!). Per non parlare della figuraccia di Pietro che vuole camminare sulle acque…Il mio nome è Pietro

Insomma è stata, come diceva il parroco che ha introdotto il gesto una “paraliturgia” che accompagna tutti noi parrocchiani nel percorso quaresimale appena iniziato, ma si incastona mirabilmente nel percorso di formazione iniziato quasi tre anni fa quando è arrivato in paese. E così capita che passiamo di stupore in stupore per la bellezza del Cristianesimo che non immaginavamo tale, visto il moralismo, la seriosità e … anche l’acidità, imperante di quest’ultimo cinquantennio…

 

Quel che resta in noi tutti è una grande gratitudine a Pietro Sarubbi che ci ha fatto conoscere in modo così efficace tutta l’umanità e la semplicità di Pietro Apostolo.

Dimenticavo: c’è un libretto in cui la vicenda è narrata in modo somigliante ed è piacevolissimo da leggere, e un po’ aiuta a capire l’atmosfera che si è creata nella nostra chiesa parrocchiale in questa fantastica occasione.

 

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: