P. Aldo: “il Mistero si serve del nostro letame, del nostro cuore freddo per fare rifiorire la vita o far nascere una vita nuova”

è davvero sorprendente il modo di attuare del Mistero che può servirsi della maggiore bestialità dell’uomo per far nascere un fiore. Ho qui davanti mentre vi scrivo due figlie mie. Lidia, andicappata mentalmente e fisicamente, ha 16 anni, è stata abusata e adesso è al 5 mese di gravidanza. Mi guarda con un sorriso divino. Le chiedo del suo bebè e con la mano mi indica le sua piccola pancia che fa intravedere la gravidanza. Sorride sempre. Ieri, domenica, festa di Cristo Re, l’ho battezzata insieme a David, il bambino impossibile che vive con me e che adesso non ha più crisi di isterismo come quando stava nella casetta di Belen 3 con gli altri bambini. Insieme a loro ho battezzato anche Anna, di 23 anni, gravemente ammalata di aids. Dalla strada alla gioia di essere cristiana. Pesa 30 kg, ma è felice. Ha fatto anche la prima Comunione. Pensate che gioia ricevere Gesù in quelle condizioni che le daranno la grazia di incontrare presto il Suo volto in Paradiso.

La seconda figlia che sta davanti a me è Anna. Fino a due anni fa era nella casa di Belen. Poi è scappata. Aveva 14 anni, ora ne ha 16. Quando è scappata dopo essere stata drogata si è svegliata in una camera e violentata. Ricordo il giorno in cui è tornata. Bella come sempre, piangendo e abbracciandomi. Tristemente è scappata di nuovo. Presa dalla polizia per spaccio di droga, è finita a 15 anni nel carcere femminile condannata ad un anno di prigione. Nel carcere è disperata, non vuole mangiare e piange in continuazione. Una della guardie, una buona signora, si commuove al vedere distruggersi questa bella e giovane ragazza. Chiede al giudice di poterla togliere dal carcere e portarla a casa sua assumendosi tutte le responsabilità. E così accadde. Tutto sembrava camminare bene, fino al giorno in cui la signora le permette di visitare suo padre, un uomo distrutto dall’alcool. Scappa di casa, va a convivere con un uomo e rimane incinta. Disperata vuole abortire. Questa mattina, la signora ha saputo che Anna è incinta e che è decisa ad abortire e viene a visitarmi in lacrime. Le chiedo il cellulare di Anna e la chiamo con il mio. Ascoltando la mia povera e rauca voce sento la sua allegria. Le chiedo di venire a trovarmi, in mezz’ora è già qui, accompagnata dalla signora. Rimango con Lidia, la ragazza violentata al quinto mese, e Anna, anche lei al quinto mese. Mi racconta la sua storia fatta di prostituzione e droga. “Mi prostituivo perchè mi piaceva e poi per i soldi”. Allora le dissi “Anna, ti ricordi quella domenica alle 6 del mattino che ti incontrai per la strada e mi dicesti che stavi tornando dal lavoro? In quel momento avrei preferito morire. Adesso sei incinta e quello che c’è in te è un dono di Gesù. Gesù si serve di tutto per convertirci. Lei mi risponde “Si padre, anch’io la penso così, perchè dopo tante relazioni solo adesso sono incinta”. Un dialogo breve e la decisione di non abortire. La invito, mentre aspetto che arrivi la signora a guardare la pancia di Lidia, che le sorride in continuazione e questo le sta facendo bene.

Amici, due settimane molto diverse. La prima, quella di Lidia, il letame dell’uomo che abusa e getta via mi ha fatto pensare ai prati del mio paesino, che in autunno un tempo si spargevano di letame. La neve dell’inverno trasformava tutto in un mantello bianco. Arrivendo le primavera si incominciava e rivedere il letame, nella poca neve rimasta. Però che sorpresa veder spuntare i bellissimi bucaneve! Così il Mistero si serve del nostro letame, del nostro cuore freddo per fare rifiorire la vita o far nascere una vita nuova.

P. Aldo

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: