Restauro permanente (del cuore)

Un articolo sulla nostra bella Chiesa del XV secolo restaurata:

img021 - Copia

Il testo dell’articolo:

Si era cominciato con l’auspicio che in questo anno della fede i lavori di restauro della chiesa parrocchiale coincidessero con i lavori di restauro del cuore di ciascun parrocchiano. E, sorprendentemente, al rientro, dopo soli sette mesi, nella nostra bella chiesa, c’era la fila davanti al confessionale. I sette mesi intensissimi di celebrazioni, catechismo, incontri vari, trascorsi nei locali dell’oratorio, non erano  trascorsi invano!
Il ritorno alle antiche mura ha coinciso con il triduo in preparazione alla Solennità dell’Assunta.
Il tutto è cominciato con il santo rosario il 12 di agosto, e lentamente ad ogni Ave Maria i banchi andavano riempiendosi. Era commovente vedere i volti di tanti parrocchiani che hanno sfidato l’afa di questo caldissimo agosto per partecipare al ritorno alla cara Chiesa rinnovata. E  impressionante è stato, dopo lo stupore di tanti volti amici, l’accendersi contemporaneo di tutte le luci poco prima della celebrazione eucaristica, durante la quale siamo stati esortati a collaborare, con il silenzio e l’ascolto, di cui Maria è stata la prima maestra, a mantenere il clima di preghiera proprio della casa di Dio, anche alla fine della liturgia.
 Il primo giorno del triduo, con l’omelia, siamo stati invitati a riflettere sul giovane ricco che se ne andò triste perché, chiamato a seguire Gesù, non ha voluto accogliere l’invito.
Il secondo giorno abbiamo approfondito la conoscenza di Maria che, per prima, ha ascoltato la Parola rivoltale dal messaggero di Dio e poi è corsa subito a metterla in pratica presso la cugina Elisabetta che aveva bisogno di aiuto, ma anche di sentirsi comunicare tutta la gioia del Magnificat.
Il terzo giorno è stato quasi  un anticipo di paradiso nello splendore della liturgia della Messa e della  Veglia che ha ripercorso le glorie di Maria con il bellissimo canto Akathistos che risale al v secolo e che condividiamo con il cristianesimo d’oriente.
Infine è arrivata la solenne celebrazione della S. Messa di benedizione della Chiesa restaurata, proprio il giorno della solennità dell’Assunzione di Maria.
Interessante è stata la sollecitazione del Parroco, don Elenio, a continuare il “restauro del cuore” che non finisce mai perché anche Maria, con fedeltà e nel silenzio, ha custodito ogni parola di Dio nel suo cuore e così è diventata la prima, dopo avere condiviso la croce del Figlio, ad essere assunta il cielo senza conoscere la morte.
L’intera Messa è stata accompagnata oltre che dall’organo, anche dall’arpa.
E’ intervenuto anche il sindaco, Costantino Palmas, che nella sua breve comunicazione ha sottolineato come abbia scelto, dati i tempi difficili, di contribuire a restaurare la Chiesa parrocchiale che è un fondamentale centro di aggregazione per tutto il paese e si è impegnato a curare la sostituzione della serranda del locale attiguo alla Chiesa dove è custodito il carro destinato a portare il Santo Patrono in processione. Prima di congedare l’assemblea il parroco si è detto contento di questi mesi che sono stati vissuti come un’occasione di crescita anche per i parrocchiani, mentre lui, ogni giorno è stato presente a sollecitare le tre imprese incaricate del restauro, tanto che il lavoro sorprendentemente è stato ultimato entro i termini stabiliti, il 2 agosto. Una raccomandazione di don Elenio è stata l’invito, già accennato dal sindaco, a custodire responsabilmente la bellezza e la pulizia non solo della Chiesa ma anche della Piazza antistante e di tutte le nostre strade, che sono donati e affidati a ciascuno di noi. Perché la bellezza esterna sia segno della bellezza di una comunità che vive in armonia.
I lavori non sono del tutto finiti perché manca ancora la Bussola dell’ingresso che, molto danneggiata, non è facile da restituire all’antico settecentesco splendore. E anche all’esterno restano lateralmente dei ponteggi per ultimare i lavori e per ricordarci la provvisorietà della vita nella quale il motto dovrebbe essere sempre “lavori in corso”, perché il cuore del cristiano è sempre… da restaurare.
Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: