Come trattiamo Cristo…

Come trattiamo Cristo, così trattiamo tutta la realtà [Se “la realtà è Cristo” quest’affermazione dovrebbe essere evidentissima]

“E’ una cosa terribilmente vera!

Trattate vostro padre, vostra madre, la vostra ragazza, lo studio, voi stessi, la gente che incontrate, la compagnia, la natura, il tempo quando vi alzate al mattino, tutto questo noi trattiamo come trattiamo Cristo, cioè come trattiamo quella Presenza.(…)

Sarebbe interessante dettagliare, perchè quello che ci impedisce (katekon) di trattare bene quella presenza è lo stesso atteggiamento che ci impedisce di trattare bene la donna a cui si vuol bene, il padre, la madre, nonostante tutte le apparenze: è un incadaverarsi, è un insepolcrarsi nella nostra misura. (…)

E tu non tratti la tua ragazza che così, non abbordi il problema dello studio che così, non ti spalanchi a quella Presenza.

(L. Giussani, Uomini senza patria, pag.130 e ss)

 

Annunci
Lascia un commento

5 commenti

  1. quanto e’ vero… e grazie per avermi fatto scoprire καθήκον 😉

    Rispondi
  2. E’ di una verità sconvolgente anche per me!
    Ma ti confesso che devo ancora capire la faccenda di καθήκον perché non mi è mica chiara!!!

    Rispondi
  3. Onestamente non è chiara neanche a me perché καθήκον (che io leggo kathìkon ;-)) mi risulta significhi “dovere” !

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: