“finire non e’ mai finire, lascia aperto un pertugio da cui ripartire. Ora!”

La riflessione di un amico, giunto ancora, quest’anno, all’ultimo giorno di scuola. La propongo perché mi pare bella:

Una grande tristezza mi ha preso stamattina, il bisogno che ho di uno sguardo in questi giorni si fa ancora piu’ forte, mi si stringe il cuore a vedere i maturandi  che se ne vanno verso orizzonti sempre piu’ ampi e gli altri tesi a godersi le meritate vacanze. E’ la vita che si impone con la sua tensione inarrestabile, e la felicita’ per la bellezza di un anno vissuto ha dentro un filo di tristezza, incalza il bisogno di una pienezza cui non ha risposto  quello che abbiamo fatto insieme, nemmeno lla lezione piu’ bella, piu’ travolgente. Il cammino che ho percorso e’ incompiuto, non perche’ vi sono dei ragazzi che non hanno imparato, ma perche’ si ferma di fronte al mistero di una liberta’ che e’ piu’ grande e piu’ bella dei mille tentativi che ho fatto quest’anno per intercettarla. E questa mattina nelle lacrime di alcune ragazze ho percepito quel bisogno che anch’io sento, il bisogno di una  carezza piu’ intensa di quella che mi hanno impresso  ogni giorno le mani affusolate dei miei immeritati studenti! E’ un bisogno che urge in questa tristezza, che venga a colmarlo la Sua tenerezza. Per questo finire non e’ mai finire, lascia aperto un pertugio da cui ripartire. Ora!
Gianni”

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: