Sposiamoci tutti: lo scopo della UE

Sinceramente non capisco.

Felicemente sposata da quarant’anni, come qualcuno dei lettori del blog sa, (e quarant’anni sono davvero tanti ed è miracoloso che un matrimonio possa durare così), mi accorgo di tante giovani coppie, anche di amici, che preferiscono non sposarsi, nemmeno in Chiesa. I motivi sono i più svariati, ma il matrimonio come istituzione non piace proprio; eppure c’è qualcuno – incoraggiato dalla UE che pare non sappia fare altro -, che vuole che lo Stato riconosca il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Dalla NL di IlClanDestino.zoom:

“Ora l’Unione Europea, quel grande organismo politico ed economico che non riesce a sedare manco un conflitto, non riesce a cacciare despoti (se non quando sono decotti e non per interessi di vera democrazia) e nemmeno a evitare crisi economiche gravi (eccetto salvare le banche) ha preso un’altra importante decisione nel campo di quelli che si chiamano diritti e che riguarda quella che si chiama la morale. Pare dunque che lo scopo principale, o almeno quello che riesce meglio alla Ue, non è salvare la vita alla gente in guerra, né salvare i popoli dal baratro economico, ma sindacare sulle nostre scelte morali. E dunque hanno stabilito che anche l’unione tra omosessuali sia da equiparare al matrimonio. A me sinceramente me ne frega poco. Per me coloro che amano chiamarsi gay facciano quel che vogliono. Ci tengono tanto a sposarsi? Sai che divertimento. Del resto, già Marx aveva scritto che l’attacco rivoluzionario doveva concentrarsi sulla famiglia per realizzare il suo paradiso in terra. Vedremo se ci sarà questo paradiso che da secoli ci promettono i suoi nipotini. Di sicuro, come ha paventato qualcuno si tratta di una ridefinizione in termini economici e sociali fondamentale, le cui conseguenze non sono facilmente immaginabili. Con la parola “diritto” si è fatto passare semplicemente la trasformazione della diversità in uguaglianza. Il che annulla uno dei pilastri stessi del pensiero di genere, e soprattutto di ogni genere di pensiero. Se siamo tutti uguali e tutte uguali devono essere riconosciute dallo stato le relazioni, non si capisce perché non riaffermare il diritto alla poligamia, ad esempio, o a chiamare matrimonio una società per azioni. O, visto l’aria che tira dalle parti del pensiero posthuman, perché limitare agli animali di genere umano la possibilità di sposarsi? Non si hanno vere effusioni d’affetto tra umani e gatti, o tra umani e cavalli? Chissà. Facciamolo ‘sto matrimonio generale. Si proceda fino in fondo. Sposiamoci tutti con tutti. Diventiamo tutti parenti. Uno aveva detto: siete tutti fratelli. Abbiamo preferito essere tutti suocere, cognati…”

dr

Annunci
Lascia un commento

1 Commento

  1. ErmannoDiSalza

     /  marzo 21, 2012

    In una conversazione durante una cena una signora mia amica affermò che anche quello degli omosessuali è amore e quindi è giusto che si sposino al che io dissi che anche quello che legava la mia nonna al suo gatto era amore e quindi era giusto che anch’essi si sposassero…… Non ci fu risposta…. E’ formidabile come non riusciamo più a riconoscere che esiste una Verità oggettiva e siamo tanto imbevuti di progressismo relativista da aver perso ogni vera identità sia come persone che come società……
    Gilbert Keith Chesterton
    “Un giorno dovremo sguainare le spade per dimostrare che le foglie sono verdi”.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: