Il senso religioso all’interno della fede

Ma che cosa significa affrontare Il senso religioso dall’interno della fede? Noi siamo abituati a intendere il «senso religioso» come una semplice premessa alla fede; perciò, esso ci sembra
quasi inutile, una volta che la fede sia raggiunta.
Come fosse una scala che ci serve per salire al piano superiore: una volta saliti, possiamo fare a meno della scala.
No!
Non solo occorre un senso religioso sempre vivo affinché il cristianesimo venga riconosciuto e sperimentato per quello che è – come ci ha ricordato sempre don Giussani citando Niebuhr:
«Niente è tanto incredibile quanto la risposta a una domanda che non si pone» (Cfr. R. Niebuhr, Il destino e la storia. Antologia degli scritti, BUR, Milano 1999, p. 66), o non si pone più –
; ma – in secondo luogo – è proprio nell’incontro con l’avvenimento cristiano che il senso religioso si rivela in tutta la sua originale portata, raggiunge una definitiva chiarezza, viene
educato e salvato.
Cristo è venuto per educarci al senso religioso, come ci ha sempre detto don Giussani (….). Un senso religioso vivo rappresenta perciò una verifica della fede.

( J. CARRON) 
Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

1 Commento

  1. Ho ripreso a scrivere sul blog… ma mi manca Splinder… 😦
    Vienimi a trovare, ogni tanto

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: