Gianna Jessen, sopravvissuta allʼaborto

Ne aveva parlato Don Gabriele giovedì 30 settembre 2010 sul suo sito, CulturaCattolica.it; perciò il nome di Gianna Jessen non mi era nuovo. Ieri mentre mi rilassavo nel primo pomeriggio davanti alla tv, nella trasmissione “Italia sul Due” – che talvolta riesce a dire anche cose interessanti -, per la prima volta in Italia, la giovane scampata negli USA ad un aborto salino alla settima settimana di gravidanza,  ha parlato della sua incredibile storia. Ecco perché rilancio il post di don Gabriele e rimando ai link di youtube che non riesco ancora a riprodurre in questo mio nuovo blog!
Ecco Gianna Iessen
Non credo al caso: in quello che accade si può sempre trovare una mano significativa e misteriosa, che mette sempre in moto una libertà dell’uomo. C’è quindi un disegno, ed è l’esaltazione della libertà. Questo si può definire anche con la parola “incontro”.Ho pensato a tutto questo guardando un video che mi è stato consigliato da un amico, testimonianza di una esperienza di grazia indicibile. Si tratta di una giovane che doveva essere abortita, Gianna Jessen, ma che è sopravvissuta, e che racconta la sua gioia di vivere e la sua gratitudine al Signore.(…) credo che vedere questo volto e ascoltare il suo racconto sia il modo migliore per riaprire alla speranza. Forse in questo modo si risponde al grave problema della “emergenza educativa”.

Sopravvissuta all’aborto – part 1 

 http://www.youtube.com/watch?v=ZFGRiVGRFXQ

 

Sopravvissuta all’aborto – part 2 

 http://www.youtube.com/watch?v=kCzKc_mSTlc

Gianna Jessen

 AGGIORNAMENTO:

Un amico mi ha riferito quanto Gianna avrebbe detto su Facebook:

Devo dirvi una ragione importante per cui credo di essere venuta in Italia: prima che l’intervista cominciasse, c’era una signora carina vicino a me. Le ho fatto i complimenti per come era vestita. In qualche modo conosceva la mia vita. Mi ha chiesto come ho trovato un significato. Le ho detto: “Ho sempre avuto bisogno di Qualcuno a cui cantare, una vera ragione per cantare, e Qualcuno che mi aiutasse a camminare, ed è Gesù Cristo”. I suoi occhi si sono riempiti di lacrime. Ho continuato: “Non solo Dio, Gesù Cristo. Dio suona molto più rassicurante”. Lei mi ha detto: “Vedo che la fede dentro di te è reale, non è a parole”. Ha continuato: “Io non sono credente, ma sono in ricerca. Quando canti, canta a Gesù anche per me”. Ho sorriso e le ho risposto: “Lo farò e sai, la Bibbia dice che ci cerca trova, Dio onorerà la tua ricerca.” Lei mi ha abbracciato.
Anche se fosse stata l’unica ragione per cui sono venuta in Italia, sono felice. Lei sa che la sua ricerca è stata riconosciuta, che non è stata dimenticata. E questa è la felicità della mia vita.

Annunci
Lascia un commento

3 commenti

  1. giovanni p

     /  febbraio 7, 2012

    Ciao M.V. grazie per la segnalazione.
    Il video è veramente importante.
    Mi piacerebbe poter fare qualcosa contro la cultura dell’ aborto.
    L’ occasione mi ha anche consentito di vedere dei video su Chiara Luce Bodano, una bella storia che non conoscevo.
    a presto
    giovanni

    Rispondi
    • Ciao Gio’
      credo che una cosa buona sarebbe collaborare con il Movimento per la vita o con i Centri di aiuto alla vita!
      Se potessi io lo fare senz’altro!

      A presto!

      Rispondi
  1. Sopravvissuta all'aborto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: