Eric Liddell, atleta cristiano e “cinese”

Poichè ho scoperto che Wikipedia ha citato il mio vecchio blog e perciò non ha trovato la scheda che scrissi il 7 agosto 2008, la metto in evidenza qui,  in modo che chi volesse consultarla può farlo con il link che Wikipedia offre:

È il personaggio che ha ispirato il film “Momenti di gloria”. Nato in Cina, ha vinto la corsa dei 400 m alle Olimpiadi di Parigi del 1924. È morto in un campo di internamento giapponese, in Cina, dove era tornato per fare il missionario. (credo di aver tratto la scheda da qualche parte nel web, ma nel trasferimento dal vecchio blog a questo ho perduto il link d’origine)

Pechino (asianews) – Forse non tutti sanno che il primo atleta “cinese” a vincere una Olimpiade è stato uno scozzese nato in Cina. Si tratta di Eric Liddell, figlio di missionari protestanti presbiteriani, nato a Tianjin nel 1902. Dopo la sua vittoria olimpica nel 1924 a Parigi – che ha ispirato il film “Momenti di gloria” (in inglese: “Chariots of fire”) – Liddell (il cui nome cinese è Li Airui) è ritornato in Cina dove ha lavorato nella missione presbiteriana, fino alla morte in un campo di internamento giapponese nel 1945 .
Liddell era rimasto in Cina fino all’età di 5 anni, poi trasferito in Scozia, dove ha studiato vicino ad Edimburgo. Divenuto un grande atleta (cricket, rugby e corsa), partecipa alle Olimpiadi di Parigi del 1924. Ma siccome la gara dei 100 metri – dove avrebbe offerto le migliori prestazioni – si sarebbe svolta di domenica, egli ha rinunciato a parteciparvi, per la sua stretta e convinta educazione religiosa. Secondo alcune testimonianze, sembra che lo stesso re d’Inghilterra abbia cercato di convincerlo a correre nella gara, in nome “dell’orgoglio nazionale”, ma egli si sarebbe rifiutato perché “i comandamenti di Dio vengono prima dell’onore nazionale. Non correrò di domenica”.
Liddell si era preparato per i 400 metri, che vinse con un record di 47,6 secondi, conquistando la medaglia d’oro.
Dopo la sua vittoria, si laurea in scienze e ritorna a Tianjin come insegnante prima nella scuola Anglo-Chinese, poi in una scuola per i poveri. Nel ’41, quando già era in atto la guerra fra Cina e Giappone, a causa dei pericoli, manda moglie e figlie in Canada e lui rimane in Cina ad insegnare a Shaochang. Nel ’43 Shaochang viene conquistata dai giapponesi e Liddell viene internato in un campo a Weifang, dove cerca di aiutare gli anziani, i malati e di insegnare ai bambini.
Eric Liddell muore il 21 febbraio 1945. Qualche mese prima il primo ministro Winston Churchill aveva ottenuto la liberazione di alcuni prigionieri, e il famoso atleta avrebbe dovuto essere uno di loro, ma egli aveva lasciato il posto a una donna prigioniera incinta. Le sue ultime parole sono state: “mi abbandono totalmente” (”It’s complete surrender.”)
Pur non essendo cinese di nazionalità, è stato sepolto nel Mausoleo dei Martiri a Shijiazhuang.

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: