Sapete perchè Buenos Aires si chiama così?

Non si è chiamato sempre Colle di Bonaria  

    Il colle dove sorgono il Santuario e la Basilica di Bonaria, anticamente, aveva un altro nome come si scopre dalla lettura dei documenti conservati nel Convento dei Padri Mercedari, custodi del simulacro della Madonna di Bonaria, da cui traggo queste informazioni:    

 

    Il colle di Bonaria era chiamato dai Pisani Bagnara, ed in quel colle essi edificarono, fin dai primi del secolo XIII, un sobborgo che si popolò ed acquistò grande importanza commerciale. La sua  via principale si chiamava Dei Mercanti,  ed aveva ricchi magazzini; là stabilirono la loro residenza il Camerlengo del porto, i Consoli del Commercio, i Giurati ed altre personalità del tempo.

 

    Da Bagnara si esportavano nel continente italiano i prodotti della Sardegna, cioè  i  formaggi, lane,  i metalli, il bestiame, ecc. Una chiesa di grazioso stile gotico, Santa Maria del Porto, soddisfaceva ai bisogni spirituali degli abitanti. Tale chiesetta fu venduta dal Governo (in seguito alle leggi del 1855 di soppressione degli ordini religiosi) e poi fu utilizzata come conceria.

 

     L’infante Alfonso, spagnolo,  nel 1324 entrò nel il golfo Cagliaritano e occupò Bagnara, espellendone i Pisani dopo un lungo assedio.

 

     Il luogo di Bagnara era tanto sano, l’aria così pura, le brezze marine  tanto gradevoli*, che Alfonso volle dare alla località il nome di Bonaria (buona aria), che è il nome attuale del Colle.  Vari tentativi fatti dai Pisani del continente per soccorrere i loro compatrioti rimasti  nel Castello di Cagliari riuscirono infruttuosi e, tre anni più tardi, nel 1327, lo  stendardo di Catalogna sventolava nelle torri cagliaritane. Alcuni antichi documenti danno pure alla località di Bonaria il nome di Barcellonetta,  che forse le si sarà voluto imporre in principio, ma tale nome non ebbe fortuna.

 

         Una volta occupata la città da Cagliari, Don Alfonso fece donazione di Bonaria all’Ordine dei frati Mercedari, istituito in Barcellona nel XIII sec. per il riscatto dei cristiani che erano stati fatti schiavi dai corsari mori. Così nel colle sorse la Chiesa e il Convento che i frati dedicarono alla Regina del Cielo, sotto l’invocazione della Vergine del Miracolo (di cui vi ho gia parlato).

   Dell’antico borgo di Bagnara non resta ormai nulla. Le stesse grotte scavate nella roccia che gli antichi abitatori fenici di quei luoghi scavarono per depositarvi le ossa dei loro morti furono distrutte nel secolo XVII, per trarne pietra destinata in lavori del vicino porto. Alcune di queste grotte restano, piccole e diroccate. Una di esse è chiamata di Grotta del Re, perchè secondo la tradizione avrebbe offerto ospitalità all’infante Alfonso durante l’assedio di Cagliari. Ma si tratta evidentemente di una leggenda.

 

  Tutto questo accadeva prima di quel fatidico anno, il 1370, preannunciato qualche decennio prima da una visione di fra Carlo Catalano, religioso dell’ordine mercedario.

  A partire dall’arrivo del misteroso simulacro, le prodigiose guarigioni, le tempeste rese innocue dall’invocazione alla Madonna di Bonaria, testimoniate dai numerosi ex-voto, hanno cominciato a costruire la storia  ininterrotta di grazie che ha reso famosa la Madonna di Bonaria nel mondo. Tanto che numerose città sono state a  lei dedicate dalla gratitudine di coloro che da lei sono stati beneficati. Una di queste è Buenos Aires. 

Per devozione alla Vergine di Bonaria infatti i conquistadores diedero alla capitale dell’Argentina appunto il nome di Buenos Aires.
______

 
*L’aria è davvero buona,  salutare e profuma di mare; e, se si sale al Santuario, si può godere da una parte dello splendido  Golfo degli Angeli, con le brezze marine che accarezzano il viso, dall’altra si vede il panorama della città di Cagliari.

 

 Leggi anche qui  

Advertisements
Lascia un commento

2 commenti

  1. When someone writes an piece of writing he/she keeps the thought
    of a user in his/her mind that how a user can
    know it. Therefore that’s why this piece of writing is great. Thanks!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: