La Madonna di Bonaria protettrice di tutti i naviganti

     In quanto protettrice dei tutti i naviganti la Signora di Bonaria è anche protettrice dei naviganti del web e, d’accordo con i custodi del prezioso simulacro, i Padri dell’Ordine della Mercede di Cagliari, abbiamo pensato di preparare un banner che offriamo a tutti gli amici internauti che vogliano utilizzarlo. Lo potrete prelevare dalla colonna di destra del Template e, se volete il codice, non avete che da chiederlo!

 

     Ripropongo la bella storia del misterioso simulacro della Madonna di Bonaria approdato in Sardegna nel Golfo degli Angeli il 25 marzo 1370 inserita nel post del mio vecchio blog che riporto qui:

Ecco come appare per chi guardi dalla riva del mare del Golfo degli Angeli a Cagliari  l’imponente Basilica di Nostra Signora di Bonaria, protettrice dei naviganti e proclamata un secolo fa Patrona Massima della Sardegna. La sua storia è molto bella: sembra quasi una leggenda, ma è tutto vero e documentato e ve la riassumo brevemente:

Marzo 1370. Un mercantile salpa dalla Spagna verso la penisola italica. La navigazione si prospetta tranquilla, ma all’improvviso si scatena una paurosa tempesta. La situazione si fa drammatica e l’equipaggio capisce di non avere più speranze. Il capitano, per alleggerire la nave, ordina di gettare in mare ogni cosa nella speranza di poter salvare almeno la vita degli uomini dell’equipaggio. Rimangono a bordo solo l’equipaggio e i viaggiatori.

All’improvviso, la tempesta si placa, le nubi di diradano e ricompare il sole. 

Pieni di sollievo per il pericolo scampato i marinai, guardando verso il mare, si accorgono che di tutta la merce gettata in mare solo una enorme cassa galleggia: nessuno sa che cosa contenga o a chi appartenga. Incuriositi, cercano di recuperarla. Non ci riescono. 

Il capitano cerca di rimettersi in rotta, ma inutilmente: la nave segue misteriosamente quella grossa cassa che, dopo qualche tempo, approda dolcemente sulla spiaggia antistante il piccolo borgo di Bonaria, ai piedi di un convento di Frati Mercedari. 

Scesi a terra, i marinai cercano di aprire la misteriosa cassa, ma non ci riescono. Tentano di spostarla, ma risulta impossibile per l’enorme peso. Anche la gente accorsa dal borgo sulla riva guarda incuriosita. La notizia ben presto si diffonde e da ogni parte della vicina città di Cagliari (Caller) sopraggiungono anche l’arcivescovo Bernardo, il vicerè Alberto Satrillas e altre autorità cittadine. 

Tutti sono sgomenti e non sanno cha fare davanti a quella cassa; ma a un certo punto si leva dalla folla una voce infantile che invitava la gente a chiamare i frati del vicino convento. 

I religiosi accorrono prontamente e, nel silenzio incuriosito degli astanti, con molta facilità aprono la cassa: agli occhi increduli di tutti appare una bellissima statua della Madonna con il Bambino e con una candela accesa in mano. 

Era il 25 marzo del 1370, festa dell’Annunciazione. 

Una  volta approdato in Sardegna, il bel simulacro doveva essere adeguatamente ospitato e ci si chiese dove esso meritasse di essere collocato: si pensò di portarlo nella Cattedrale, chiesa madre della città; i frati si opposero, sostenuti da tutta la popolazione e portarono la statua nel convento. 

Si pensò di collocarla in una cappella laterale, poiché l’altare maggiore era già occupato da un’altra prodigiosa statua, La Madonnadel Miracolo. 

La statua della Vergine fu dunque collocata in una cappella laterale, ma il mattino seguente, i religiosi videro che le due statue si erano scambiate di posto.La Madonnavenuta dal mare era sull’Altare maggiore. 

Pensarono che qualcuno avesse voluto onorare nascostamente, durante la notte il nuovo simulacro miracoloso, e rimisero le statue al loro posto. Il mattino seguente verificarono lo stesso spostamento. La terza notte decisero di vegliare per impedire che qualcuno effettuasse quello spostamento, ma, senza che riuscissero a rendersene conto,la Madonnavenuta dal mare si spostò ancora una volta sull’Altare maggiore. Era chiaro che la nuova venuta voleva essere onorata come regina del Santuario; perciò i religiosi la lasciarono nel posto che Essa stessa si era scelta; e da allora viene venerata come Nostra Signora di Bonaria, proclamata nel 1908 da San Pio X Patrona massima della Sardegna. 

E’ in questo santuario, affiancato dalla grandiosa basilica costruita all’inizio del secolo scorso e recentemente restaurata, che Papa Paolo VI il 24 aprile del1970 hadetto che “non si può essere cristiani senza essere mariani”. 

E Giovanni Paolo II il 20 ottobre1985 ha detto tra l’altro, una frase,che è sempre attuale: “L’amarezza e il dolore di questi giorni non soffochino la pietà, non spengano la speranza”.  

Per le altre bellissime storie legate a questo misterioso simulacro vi invio sito del santuario 

   Questa la storia che sembra leggenda ma è documentata da un regolare Processo Canonico celebrato nel 1592 alla presenza dell’Arcivescovo di Cagliari, Mons. Francesco Del Vall, dietro richiesta dei religiosi mercedari. Da quel lontano marzo del 1370La Madonnadi Bonaria è diventata la protettrice di tutti i naviganti e nel museo e nei lunghi coprridoi della sacrestia del Santuario non si contano gli ex-voto, spesso sotto forma di quadri che rappresentano le tempeste cui sono scampati miracolosamente i naviganti, per intercessione di Nostra Signora di Bonaria.

Notizie ulteriori sul Simulacro e sulla Madonna del Miracolo nelle schede sottostanti:

*La statua, ricavata da un unico tronco di carrubo, è alta m. 1,56 e poggia su un piedestallo decorato con fregi dorati di stile gotico. La Madonna, dal volto molto delicato, ha una tunica rosso e oro e una ricca cintura, ed è coperta da un mantello azzurro e oro, ha la testa scoperta e i capelli che le cadono dolcemente sulle spalle, ed attualmente è collocata proprio sopra l’altare maggiore del Santuario.
Circa la sua provenienza, nonostante le ricerche, non si è mai saputo nulla. L’unico indizio era il piccolo stemma dell’Ordine della Mercede (nato in Spagna, su ispirazione della Vergine, per la redenzione degli schiavi, quasi un secolo prima) dipinto sulla cassa.

**Il titolo di Madonna del Miracolo ha origine in seguito ad un fatto accaduto qualche tempo prima: un soldato, accanito giocatore di carte, stava perdendo ogni suo avere. A un certo punto, disperato, entrò in chiesa e pregòla Vergine di concedergli la vittoria: se avesse vinto la metà l’avrebbe offerta alla Vergine, in caso contrario, sarebbe tornato in Chiesa e l’avrebbe pugnalata.La notte non riuscì a dormire e il giorno dopo, dopo aver ancora una volta giocato a carte, perse ogni cosa. Allora infuriato torno in chiesa e trafisse con la spada la statua della Madonna. Dalla ferita sgorgò sangue e le tracce si possono ancora vedere. Accorsero i religiosi e lo sorpresero in preda alla disperazione. Fu arrestato e sparì dalla circolazione. Da allora, quell’immagine di Maria viene indicata come la Madonna del Miracolo

***L’interno del santuario affiancato dalla grande basilica costruita ai primi del Novecento

Lascia un commento

11 commenti

  1. giorgio

     /  agosto 6, 2012

    don salvatore ciao da cusimano ex tirrenia e ora don vincenzo onoratooooooooooo

    Rispondi
  2. antonella

     /  marzo 20, 2013

    buongiorno vorrei comunicare con voi ma non trovo i contatti la mia mail è: icnos2@gmail.com grazie buona giornata
    antonella

    Rispondi
  3. Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA

     /  aprile 24, 2013

    Pur essendo nato e residente a Milano, sono di famiglia sarda e tale in effetti mi sento (almeno per metà) e come tale sono devoto – a modo mio – della Madonna di Bonaria. Dico a modo mio, perché infatti mi riesce difficile credere che sia stata la voce del bimbo a chiamare i frati mercedari. Non sarà stato infatti il clamore popolare? Ma tant”è: anche lo scambio di posti dei due simulacri della Madonna mi lascia pensare. Me ne resi conto il giorno in cui volle sistemare sul mio desktop l’Immagine della Madonna di Bonaria: dopo averla sistemata a destra, accanto al Monogramma di Cristo, mi si spostò a sinistra. Dopo tre o quattro tentativi di rimetterla al posto di prima, ne dedussi che… deve essere una Madonna piuttosto birichina…
    Cordiali saluti.
    Mario Salvatore Manca di Villahermosa

    Rispondi
    • Ciao Mario Salvatore conterraneo!!!
      La storia come l’ho raccontata è desunta dalle fonti che si rifanno al processo notarile voluto da un Vescovo di non mi ricordo più quale secolo.
      Comunque concordo! non ci avevo ancora pensato…. sicuramente la Madonna deve essere anche birichina… chissà!
      Un caro saluto dalla Sardegna!

      Rispondi
  4. Fabrizio

     /  settembre 22, 2013

    Non sono sardo, pur essendo vissuto sull’isola circa due anni, molto tempo fa. Ho ricordi incancellabili di una terra aspra ma intensa e di gente nobile e generosa. Sono stato nel Santuario di Bonaria una sola volta, in occasione del matrimonio di un amico, e in quell’occasione ho appreso la storia e il significato della venerazione della Madonna venuta dal mare. Da allora non l’ho più dimenticata, io che della marineria e del mare vivevo quotidianamente in quel periodo. Mi è rimasta dentro, senza mai spostarsi, fino ad oggi, che non ho smesso di guardare il mare immenso che ho davanti e che ho nel cuore. Stamani, davanti alla tv, mentre guardavo Papa Francesco in visita al Santuario, mi sentivo in mezzo a voi. E presto porterò anche la mia famiglia a visitare Nostra Signora di Bonaria. Lo sanno che in Sardegna ho un’amica speciale….
    Fabrizio

    Rispondi
  1. A proposito di dialogo interreligioso « Anna Vercors
  2. Videro e credettero – La bellezza e la gioia di essere cristiani – A Settimo e a Cagliari. E poi in tutta la Sardegna « Anna Vercors
  3. NOSTRA SIGNORA DI BONARIA
  4. La Madonna di Bonaria | Anna Vercors

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 76 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: