“Senza croce la preferenza non è verità”

La preferenza è l’esperienza di qualcosa che salva. Quanto più hai l’esperienza di qualcosa che salva, tanto più quello è oggetto di preferenza. «Salvare» nel senso vero e pieno del termine: parlare di felicità, di bellezza, di giustizia, di verità è parlare di salvezza. Perciò la preferenza, invece che omologare tutto, ti fa balzare viva la personalità dell’Essere, che è verità, bellezza, amore, giustizia.

Ma la verifica che è una reale preferenza – cioè che è quello che ho detto: l’identificarsi del destino, l’identità del destino, non una omologazione panteista – è che non puoi non volere che tutti si salvino, cioè che tutti partecipino della verità rivelata da quella preferenza, che tutti entrino in quella preferenza, o che quella preferenza abbracci tutto.

Quella preferenza è il punto in cui insorge il tuo amore a tutto, cioè la scaturigine attraverso cui l’acqua della tua salvezza giunge a tutti, può giungere a tutti. E in questo senso la preferenza, che è il sommo possesso, si «spossessa»,  si sacrifica, diventa sacrificio.

Perciò senza croce la preferenza non è verità, bellezza, felicità, ma la preferenza è l’artiglio che prende, anzi che tenta di prendere

L. Giussani, “L’attrattiva Gesù”, BUR

About these ads
Lascia un commento

1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 76 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: