IL CACAO: una nuova avventura dall’Italia all’Uganda e da lì nel mondo

Graciete pubblica un post interessante che rilancio:

Che cosa succede quando un’azienda leader nel settore della produzione di cioccolato, la ICAM s.p.a., decide di avvalersi dell’esperienza in Uganda della Fondazione Spe Salvi dell’Università Cattolica per aprire un nuovo canale di approvvigionamento diretto per coprire il crescente fabbisogno interno di materia prima?

Nasce qualcosa di grande. La Fondazione Spe Salvi collabora con un’Università in Uganda e ha numerosi contatti sul territorio, nel 2010 in occasione dell’inaugurazione del nuovo Dipartimento della Facoltà di Scienze Sanitarie, una delegazione della Fondazione inizia a verificarne la fattibilità e in poco tempo nasce un progetto per la produzione ed esportazione di cacao di alta qualità che arriva alla costituzione di una nuova società la Icam Chocolate Uganda Ltd.

Giusto per capire l’evoluzione in così breve tempo vi cito qualche dato:
Affitto di un terreno di 3 acri, costruzione magazzino e ufficio di 200 mq., realizzazione di 5 aree di fermentazione, creazione di 10 aree di essiccazione, assunzione di 27 dipendenti in pianta stabile, 3800 piccoli agricoltori hanno venduto cacao fresco ad Icam (1558 di essi si sono organizzati in 44 gruppi e stanno vendendo il proprio cacao in maniera continuativa) ed infine pure il coinvolgimento di studenti della Uganda Martyrs University nelle attività di formazione degli agricoltori, ma non è finita qui, il progetto è solo all’inizio del suo sviluppo.

Se volete saperne di più sul progetto trovate tutte le informazioni sul sito della Fondazione Spe Salvi.

Un caro amico che segue il progetto mi ha mandato da vedere il trailer che presenta il progetto. Guardando scorrere le immagini subito salta all’occhio una freschezza e un allegria semplice e sincera. Mi son detta: ma come sono felici queste persone che hanno così poco, vuoi dire che basta un po’ di cacao?

Per il trailer che non riesco a riprodurre potete vederlo QUI 

Sicuramente non è il solo fattore, ma sta di fatto che effettivamente esistono proprietà benefiche dei Semi di Cacao, leggi il prossimo post: Lunga vita felice nei semi di cacao.

Qualche notizia sulla pianta di cacao e sui suoi frutti.

Il nome scientifico della pianta del cacao è Theobroma cacao, appartiene alla famiglia delle Sterculiacee, fu Cristoforo Colombo ad importare dall’America la pianta del cacao perché più che dalle proprietà alimentari della pianta, fu colpito dal valore che gli indigeni davano al cacao, essi lo utilizzavano come una vera e propria moneta.
L’albero del cacao è in grado di dare due raccolti all’anno e raggiunge il suo completo sviluppo nel giro di dieci anni; una piantagione di cacao produce frutti per circa 30 anni. La pianta del cacao è un sempreverde che predilige i climi equatoriali, è perenne e può raggiungere fino a dieci metri d’altezza, produce fiori bianchi con sfumature rosa da cui si sviluppano poi i frutti che all’inizio, prima di scurirsi, richiamano la forma del cedro, sono chiamati cabosse e  possono misurare fino a 30 centimetri di lunghezza e pesare dai due etti al chilo. All’interno di ogni frutto vi sono semi grandi come fave, racchiusi in una mucillagine bianca, è da quei semi che deriva il cacao ed è dalla loro fermentazione che parte il processo attraverso il quale si arriva al burro di cacao, elemento base per la produzione del cioccolato.


Per ottenere il cacao i semi vengono sottoposti a una serie di operazioni:
- fermentazione: da 2 a 10 giorni in vasche o fosse scavate nel terreno, dove si sviluppa l’aroma e il colore caratteristico
- essiccazione: operazione facoltativa effettuata al sole o in “armadi” di essiccamento per conferire al prodotto un colore più vivo e un sapore meno astringente
- torrefazione: a 120 – 140 °C per tostare le fave di cacao e facilitare le operazioni di spremitura e macinazione
- spremitura: estrazione di parte del grasso (burro di cacao). Da questa fase si ottengono anche panelli di polvere di cacao. 

About these ads
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 73 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: